whatsapp image 2020-10-21 at 15.29.08 copia
Iscriviti alla Newsletter
Chiesa Madre - Gangi
Sito ufficiale
whatsapp image 2020-10-21 at 15.29.08 copia
Chiesa Madre - Gangi
Sito ufficiale

Con San Cataldo in attesa della Pentecoste

2023-04-28 20:03

Don Giuseppe Amato

Lettere,

Con San Cataldo in attesa della Pentecoste

Carissimi,ci apprestiamo a vivere, come ogni anno, la Festa del nostro Patrono San Cataldo.Il suo ministero episcopale è un forte richiamo, in questo

Carissimi,

ci apprestiamo a vivere, come ogni anno, la Festa del nostro Patrono San Cataldo.

Il suo ministero episcopale è un forte richiamo, in questo tempo pasquale, a quel mandato missionario che il Risorto ha affidato agli apostoli di portare il Vangelo fino ai confini della terra. Un Vangelo che non può prescindere dalla nostra concreta testimonianza cristiana, anzi trova in essa la via privilegiata per raggiungere anche i cuori più lontani e distratti.

 

Ci ritroveremo, pertanto, con San Cataldo nel cenacolo della nostra Comunità per attendere con lui il dono dello Spirito Santo, lo faremo "assidui e concordi nella preghiera", riscoprendo tutta la bellezza della comunione con Dio e tra di noi.

 

Sperimenteremo quest'anno una nuova modalità per vivere la festa insieme e per favorendo anche i tanti, che durante la settimana sono fuori per lavoro o per lo studio, di vivere i momenti salienti con fede e con devozione.

 

Lo so che ci sono diverse voci discordanti riguardo a questa scelta, ma tante volte il maggior pericolo delle nostre tradizioni è l'atavica mentalità restia al cambiamento.

 

Papa Francesco il 16 gennaio scorso così esortava la Confederazione delle Confraternite: "Le vostre antiche tradizioni liturgiche e devozionali siano animate da una vita spirituale, una vita spirituale reale, con fervore, e dall’impegno concreto della carità. E non abbiate paura di aggiornarle in comunione con il cammino della Chiesa, perché possano essere un dono accessibile e comprensibile per tutti, nei contesti in quali vivete e operate, e uno stimolo ad avvicinarsi alla fede anche per i lontani".

Nulla rimane immutabile nel tempo e nulla può essere soggetto a mutamento solo per le mere convenienze personali, ecco perché ancora il Papa nello stesso discorso richiama a vivere con essenzialità le nostre feste religiose: "Lasciatevi animare dallo Spirito e camminate: come fate nelle processioni, così fatelo in tutta la vostra vita di comunità. La ricchezza e la memoria della vostra storia non diventino mai per voi motivo di ripiegamento su voi stessi, di celebrazione nostalgica del passato, di chiusura verso il presente o di pessimismo per il futuro; siano piuttosto stimolo forte a reinvestire oggi il vostro patrimonio spirituale, patrimonio umano, patrimonio economico, artistico, storico e anche folkloristico, aperti ai segni dei tempi e alle sorprese di Dio".

 

Vi aspetto tutti e vi invito a cogliere ancora una volta l'occasione che la festa ci offre per intensificare il nostro cammino di vita cristiana, la nostra preghiera e fare della comunione tra noi il primo gesto di carità.

 

Ci sostenga San Cataldo nostro patrono e la Vergine Maria Assunta, benedicano le nostre famiglie e assicurino pace e protezione a tutta la nostra Città di Gangi.

 

Il Parroco

Don Giuseppe Amato

s.-cataldo-2023.jpeg